//
Stai leggendo ...
Mediazione Transculturale, Migrazioni

Trento. Mediatori culturali per la scuola

La Giunta della provincia di Trento ha approvato in data odierna due distinte delibere sulla formazione della figura del mediatore interculturale, come previsto da una norma specifica del Regolamento per l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale.

Nella prima delibera si definiscono i criteri e le modalità per attuare una formazione per diventare “mediatore interculturale”, figura specifica che opera all’interno delle istituzioni scolastiche e formative per quanto riguarda soprattutto la prima accoglienza, le relazioni con le famiglie e l’insegnamento della lingua madre in sostituzione della seconda lingua straniera.
Nella seconda si predispongono i bandi per attuare detta formazione. Un primo corso, per diventare mediatore interculturale, sarà di 200 ore e un secondo corso di ulteriori 36 ore svilupperà le competenze per insegnare la lingua madre come lingua straniera. In base alle necessità del territorio, ci sarà una riserva di posti legata sia alla nazionalità che alla territorialità.
Il bando uscirà nel mese di dicembre e i corsi inizieranno presumibilmente verso febbraio 2013.

Nella realtà scolastica trentina la figura del mediatore interculturale è una figura preziosa per supportare l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri. Questa figura, prevista per regolamento, dopo una specifica formazione viene inserita in una lista provinciale alla quale le scuole possono attingere per le loro necessità. Può svolgere i suoi compiti su più fronti: direttamente con gli studenti stranieri e con le loro famiglie, con le classi, con i docenti ma anche con il personale di segreteria. E’ risorsa fondamentale per realizzare progetti interculturali ma anche per insegnare la lingua d’origine al posto di una lingua straniera.
Il mediatore non sostituisce l’opera del docente, ma lo facilita nel programmare azioni ad hoc legate ai bisogni delle singole realtà scolastiche.

E’ necessario però che la formazione, compresa quella indirizzata al mediatore interculturale che dovrà intervenire nell’insegnamento della lingua d’origine, risponda a dei criteri e modalità ben definite, in sintonia con le richieste che pervengono dalle scuole ma anche in linea con i nuovi curricula provinciali. Per questo motivo sono state approvate oggi dalla Giunta due specifiche delibere.
La versione completa delle due delibere con i relativi allegati si può consultare e scaricare, da martedì prossimo 27 novembre 2012, sul portale della scuola trentina http://www.vivoscuola.it

Annunci

Informazioni su Italiena

Mediatrice transculturale di origine camerunese, vive a Roma dal 1992. Studi universitari in Sociologia, è anche consulente e formatrice su tematiche legate all'Intercultura.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

L’archivio di questo blog

Italiena su Twitter

Inserisci la tua e-mail per ricevere gratuitamente gli aggiornamenti su ItAliena

Segui assieme ad altri 934 follower

Sei il lettore numero:

  • 223,869 da Aprile 2012