//
Stai leggendo ...
Attualità, Eventi, Migrazioni

Orfani bianchi. Un Workshop per capire e affrontare il fenomeno

Ladispoli (Rm). Oltre tre milioni di persone hanno lasciato la Romania negli ultimi anni, e si stima che circa 350mila “orfani bianchi” vivono senza uno o entrambi i genitori. Gli “orfani bianchi” sono i figli minori lasciati in patria da genitori che migrano per dare a se stessi e alla propria famiglia un futuro più dignitoso. A questo fenomeno si associano anche le difficoltà legate al ricongiungimento dei figli con i genitori dopo un periodo di separazione, una scelta spesso non condivisa ma legata al prolungarsi della permanenza all’estero, e che oltre ai grossi conflitti deve fare i conti con la disillusione nonché con le difficoltà oggettive connesse all’integrazione sociale.


Questi sono i temi che saranno affrontati nell’ambito del Workshop “Orfani bianchi” che si terrà Sabato 09 Giugno 2012, a partire dalle ore 10.00, presso il Centro Sociale Polivalente di Ladispoli (Roma) – Ingresso in Via Rimini 19.

Il fenomeno degli “orfani bianchi” riguarda la Romania in modo particolare, poiché il flusso migratorio proveniente da questo paese si è intensificato significativamente negli ultimi anni. Si pensi che in Italia i romeni rappresentano la principale comunità di migranti con 968.576 presenze (Dossier Statistico Immigrazione 2011) su una popolazione totale del paese di origine di circa 22 milioni di abitanti.
Gli effetti della migrazione dei genitori sui bambini sono dei più vari, generalmente i bambini vivono uno stato di stress che può portare il minore da un calo della frequenza e del profitto scolastico fino al compimento di piccole attività delinquenziali; emotivamente il minore vive uno stato di frustrazione, senso di colpa e depressione che in alcuni casi ha portato all’atto estremo e drammatico del suicidio.
E’ importante comprendere che siamo di fronte ad un nuovo modello familiare che è stato favorito dal processo di allargamento dell’Unione Europea, ossia quello della famiglia transnazionale. Il processo migratorio all’interno dell’UE continuerà nei prossimi anni; migrare per cercare un futuro migliore per sé e per i propri figli è una libertà fondamentale che non può e non deve essere limitata, risulta quindi importante capire come affrontare il fenomeno cercando di ridurre le conseguenze negative per le fasce più vulnerabili della popolazione, quali i bambini.

La partecipazione all’evento è gratuita. Per prenotazioni e informazioni:
Simona Hristian – Email: simohristian@yahoo.com – Cell. 3381175104

Informazioni su Italiena

Mediatrice transculturale di origine camerunese, vive a Roma dal 1992. Studi universitari in Sociologia, è anche consulente e formatrice su tematiche legate all'Intercultura.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

L’archivio di questo blog

Italiena su Twitter

Inserisci la tua e-mail per ricevere gratuitamente gli aggiornamenti su ItAliena

Segui assieme ad altri 937 follower

Visita ItAliena su facebook

Sei il lettore numero:

  • 209,363 da Aprile 2012