//
Stai leggendo ...
Attualità, Migrazioni

“No Sweet Home” – Sognavo il paradiso invece sono in questo limbo

Mista Tolu e Nell Precious cantano – in italiano e in inglese – che i rifugiati invece di trovare casa in Italia, si trovano a vivere in una condizione precaria, un tipo di limbo senza un posto da chiamare casa. La canzone dà anche qualche idea sul perché tanti africani scappano dal loro continente.

Tommy Kuti, in arte Mista Tolu, diplomato al liceo e laureato in scienze della comunicazione, è nato in Nigeria 22 anni fa e vive in Italia dall’età di un anno; con lui Nell precious a dare ritmo alla focosa “no sweet home” dedicata dai due artisti ai milioni di cittadini stranieri migrati in Italia per riscattarsi da un passato di miserie, per fuggire dal carcere e dalla morte, abbandonando affetti e luoghi di vita.

Ma “l’Italia non è il paradiso”, comincia così il testo scritto e intepretato dai due e promosso con il supporto del Progetto “Out of limbo” della Fondazione Nigrizia. E’ un brano di denucia delle condizioni di abbandono e disperazione di chi è approdato in Italia, ed insieme un grido di speranza per un futuro diverso che non può che passare per quel “wake up” strozzato alla fine del brano.

Guarda il video: NO SWEET HOME

Advertisements

Informazioni su Italiena

Mediatrice transculturale di origine camerunese, vive a Roma dal 1992. Studi universitari in Sociologia, è anche consulente e formatrice su tematiche legate all'Intercultura.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

L’archivio di questo blog

Italiena su Twitter

Inserisci la tua e-mail per ricevere gratuitamente gli aggiornamenti su ItAliena

Segui assieme ad altri 935 follower

Visita ItAliena su facebook

Sei il lettore numero:

  • 212,618 da Aprile 2012